fibromialgia ed agopuntura

0
704

cos’è

Il termine fibromialgia significa dolore nei muscoli e nelle strutture connettivali quali i legamenti ed i tendini, che provoca

  • astenia (indebolimento e stanchezza ingiustificate da uno sforzo fisico che non migliora con il riposo)
  • rigidità muscolare.

Altri sintomi associati sono i disturbi del sonno, le parestesie, il mal di testa, l’ansia, la depressione, la sindrome sicca, la sindrome dell’intestino irritabile, il fenomeno di Raynaud, la sindrome premestruale ed i dolori mestruali.

Si stima che in Italia ne soffrano quasi quattro milioni di persone, soprattutto donne: numeri che fanno della fibromialgia la seconda malattia reumatica, in termini di diffusione, dopo l’osteoartrosi.

La diagnosi di sindrome fibromialgica è basata sulla presenza di dolore diffuso in combinazione con la presenza di tender points evocabili alla digitopressione. Non vi è alcun esame di laboratorio o radiologico che possa diagnosticare la fibromialgia.
 

cause

La causa della fibromialgia è ancora sconosciuta, ma si ipotizza un’origine multifattoriale.

Gli studi condotti per indagare la patogenesi hanno di volta in volta dimostrato
-alterazioni del rilascio dei neurotrasmettitori,

-ipersensibilizzazione del sistema nervoso centrale,

-alterazioni dell’asse ipotalamo-ipofisi,

-alterazioni nel rilascio di molecole (citochine) pro-infiammatorie,

-alterazioni dell’equilibrio tra sostanze ossidanti e anti-ossidanti.

Si sostiene sempre più che alla base ci sia una predisposizione genetica che si esprime con anomalie dei recettori della serotonina e della dopamina, strettamente coinvolti nei processi di elaborazione del dolore: i pazienti presenterebbero infatti una amplificazione della percezione del dolore a livello centrale.
Sembra inoltre che patologie quali l’ansia, la depressione, il disturbo post-traumatico da stress e la somatizzazione possano predisporre all’insorgenza della malattia.

Uno studio condotto dagli scienziati della McGill University Health Centre, in Canada ha valutato il legame tra sindrome fibromialgica e microbiota intestinale che risulta alterato, probabilmente a causa della presenza di dolore: “Anche con dolore cronico non viscerale, come quello provocato da fibromialgia, il microbioma intestinale è alterato, in termini sia di composizione sia di funzionalità con una maggior presenza di Parabacteroides m. 4 tra gli OTUs e di acido butirrico tra i metaboliti.”

terapia

La fibromialgia è una malattia cronica, ciò significa che non si guarisce, pertanto il primo passo da fare, dopo aver confermato la diagnosi, è impostare un percorso terapeutico che parta dall’educazione del paziente.

Il paziente va informato circa le caratteristiche della malattia, quali possono essere i fattori scatenanti o che possono peggiorare la malattia e va stimolato a modificare le abitudini di vita che potrebbero ostacolarne la cura, come ad esempio una cattiva alimentazione.

Le terapie della fibromialgia sono diverse e devono essere “cucite su misura” per il singolo paziente.

La prima raccomandazione è informare in maniera esaustiva il paziente sulla malattia.

Il secondo punto fondamentale è che la strategia terapeutica iniziale deve essere di tipo non farmacologico con un approccio multidisciplinare.

Le evidenze scientifiche dimostrano che una terapia sicuramente efficace è l’esercizio fisico di tipo aerobico.

La terapia farmacologica si fonda sull’uso di analgesici, anti-infiammatori non steroidei (ibuprofene, naprossene, tramadolo), miorilassanti (soprattutto pregabalin), ipnotici, sedativi, antidepressivi (duloxetina, amitriptilina).

Ai farmaci possono essere abbinati trattamenti riabilitativi, per ridurre il tono muscolare e ridurre la percezione del dolore, e la psicoterapia;
Vi sono evidenze di efficacia anche con la balneopterapia, esercizi aerobici, ipnoterapia, biofeedback.

Secondo la revisione condotta da Deare et al. (Cochrane Database of Systematic Reviews, 2013) sono disponibili evidenze di qualità moderata rispetto all’efficacia dell’agopuntura nel miglioramento del dolore, sonno, affaticamento, benessere complessivo e nel potenziamento dell’efficacia dei trattamenti farmacologici.

Agopuntura
 
Classificazione della fibromialgia in TCM

In Medicina Tradizionale Cinese possiamo distinguere 5 principali quadri sindromici di fibromialgia anche se capita che in alcuni casi lo stesso paziente presenti la sintomatologia di due o più quadri sindromici contemporaneamente.

Stasi di qi

Sintomatologia: ansia, irritabilità, cefalea anche emicranica, tensione nucale, risvegli notturni e difficoltà all’addormentamento, colon irritabile, peggioramento di tutta la sintomatologia sotto stress.

Nella mia esperienza si tratta del quadro clinico più frequente.

Principio di terapia: mobilizzare il qi

Agopuntura: yin tang, LI4, LR3, PC6, TE5, GB34, CV17-18, ST25 GB20, GB21(), BL18

Accumulo di calore-umidità

Sintomatologia: dolori articolari che migliorano con il ghiaccio, diarrea o feci molli di odore nauseabondo, bruciore anale e perianale, leucorrea gialla ecc.

Principio di terapia: purificare il calore e drenare l’umidità

Agopuntura: CV12, ST25, SP9, 44ST, LI11

Deficit di qi e sangue

Sintomatologia: astenia, cefalea con dolore sordo, debolezza ed intorpidimento muscolare, sonno distrubato dai sogni, astenia al mattino, palpitazioni, ansia e depressione.

Principio di terapia: tonificare il qi e nutrire il sangue.

Agopuntura: LI4, ST36, CV12 CV6, CV44, SP6-10, HT7, BL17-18-20.

Stasi di qi e sangue

Sintomatologia: dolori diffusi a tutto il corpo, cefalea trafittiva.

Principio di terapia: mobilizzare qi e sangue.

Deficit di rene (yin e yang o jing)

Sintomatologia: varia in relazione all’interessamento della radice yin o yang o del jing di rene.

Principio di terapia: nutrire lo yin ed il jing, tonificare lo yang.

Agopuntura CV4, CV6, Ki3, BL 23

Molto efficace anche la fitoterapia che, come l’agopuntura, va personalizzata su ogni singolo paziente.

aghi agopuntura alimentazione benefici benessere carmela pipino cina come curare il dolore coronavirus cura dieta disturbi disturbi apparato urogenitale disturbi digestivi dolore dottoressa carmela pipino dottoressa pipino energia fisiodot fisioterapia fitoterapia immunomodulazione infiammazioni influenza malattie medicina medicina tradizionale cinese microbiota natura nutrizione ossigeno ossigeno ozonoterapia osteopatia ozono ozonoterapia pipino recanati salute stress studio studio medico studio medico recanati trattamento del dolore vitamina vitamine